giovedì 18 dicembre 2008

Callisto Tanzi condannato: vittoria di Pirro per la giustizia


Callisto Tanzi è stato condannato per la vicenda del crac Parmalat a una pena di dieci anni per i reati di aggiotaggio, falso dei revisori e ostacolo alla Consob. Magra soddisfazione perchè la condanna di Tanzi rischia di tramutarsi in una vittoria di Pirro per la giustizia e per gli oltre 100000 risparmiatori che avevano sottoscritto le obbligazioni del gruppo. Infatti Tanzi potrà sicuramente usufruire di due tre anni di scontro pena grazie all'indulto. Inoltre sul processo pende il rischio prescrizione. Anzi alcuni filoni come quello relativo all'aumento di capitale di Parmalat Brasil ( particolarmente importante perché l'aggiotaggio era evidente) sono già andati in prescrizione grazie alla legge ex Cirielli che dimezza i tempi per gli incensurati.

2 commenti:

progvolution ha detto...

questo paese mi sta costringendo a diventare qualunquista...
Ho brutti e irrazionali pensieri, rabbia, impotenza, rassegnazione
Sussurri obliqui

storico ha detto...

hai ragione: anch'io odio il qualunquismo e le battute strappa applausi da circo di piazza. ma l'Italia sta diventando la repubblica delle banane fondata sull'impunità :-(