giovedì 11 febbraio 2010

L'inchiesta sugli appalti corrotti della Protezione Civile e l'utilità delle intercettazioni

L'inchiesta di Firenze sulla presunta corruzione nella gestione degli appalti della protezione civile ( per il g8 de la Maddalena ma non solo) che vede tra l'altro indagato Guido Bertolaso è inquietante perché se lo scenario disegnato si rivelasse vero sarebbe il crollo delle residue speranze di sperare che nell'Italia del dopo Mani Pulite qualcosa nella gestione delle risorse pubbliche potesse ancora salvarsi. Diciotto anni dopo gli scandali delle tangenti pensare che chi aveva il compito di gestire le risorse destinate alle emergenze potesse farsi comprare con miseri favori una notte di sesso con una massaggiatrice è semplicemente avvilente Tuttavia non mi sento di esprimere giudizi netti sulla vicenda: l'inchiesta è ancora agli inizi e Bertolaso merita questa prudenza per la professionalità sinora dimostrata e riconosciutagli da entrambi gli schieramenti politici.
Va comunque ricordato come l'indagine sia potuta cominciare grazie alle intercettazioni, a conferma di quanto esse siano fondamentali per portare avanti l'attività investigativa.
Una cosa però è certa: vista la gravità delle accuse è doveroso che la magistratura faccia chiarezza. Ebbene se il disegno di legge che limita le intercettazioni fosse stato già approvato questa inchiesta non sarebbe nemmeno cominciata perché il testo prevede l'usabilità delle intercettazioni solo quando siano emersi «rilevanti» o «evidenti» indizi di colpevolezza a carico. Un modo per disinnescare la potenzialità dello strumento delle intercettazioni che hanno proprio lo scopo di rilevare quei gravi indizi

2 commenti:

Ernest ha detto...

direi che il disegno berlusconiano ora è più visibile... via le intercettazioni per evitare queste inchieste. Su Di Pietro direi che al momento del suo insediamento al ministero rimosse Balducci che andò a finire al ministero del turismo per poi essere richiamato dall'attuale Mattioli.
un saluto

storico ha detto...

grazie della precisazione Ernest. sul rapporto tra Di pietro e Balducci avevo dato una notizia inesatta. Ho provveduto a correggere il post.
ricambio il saluto